DECORAZIONE AULA BAMBINI

L’aula decorata dal nostro gruppo era adibita al pranzo e al riposo dei bambini.

Quando abbiamo scelto di decorare quest’aula ci è parso chiaro fin da subito che tutte le decorazioni che saremmo andati a creare dovevano essere realizzate nel modo più consono possibile. Colori, forme fantastiche e interpretazioni dovevano essere infatti protagonisti in questa stanza capace di sbalordire ed entusiasmare.
In una prima fase di “Brain Storming” avevamo pensato di disegnare dei dolcetti volanti lungo tutte le pareti, rendendo l’atmosfera quasi magica e surreale. Un mondo costruito attorno ai balocchi e attorno a ciò che i bambini amano più di ogni altra cosa: i dolci.
A questo riguardo il nostro gruppo si è interrogato sulla convenienza di raffigurare graficamente i dolci. Infatti numerose ricerche scientifiche e indagini dimostravano che circa in Italia i bambini obesi sono mediamente il 4% mentre sono in sovrappeso il 20%. Tali percentuali aumentano di anno in anno e dati più recenti indicano che il fenomeno obesità interessa oggi più del 15% dei bambini. La causa principale di questi problemi è la scorretta alimentazione generata proprio dall’abuso di dolciumi e fast food.
Per i motivi sopra elencati, ragionando sulla percezione che i bambini avrebbero potuto avere, abbiamo stabilito che fosse meglio abbandonare l’idea iniziale e cambiarla in quello che sarebbe poi stato lo sviluppo finale del progetto: la stanza venne decorata con simpatici animaletti che si nutrivano di frutta ricavata da spiedini che spiccano sulle pareti.

Da un punto di vista artistico-decorativo ci siamo ispirati alle policromie dei “Fauves” con alcune interpretazioni naturalistiche personalizzate ed alcuni studi sulle geometrizzazioni decorative. E’ proprio ispirandoci ai “Fauves” infatti che abbiamo basato la nostra decorazione sulla semplificazione delle forme, sull’abolizione della prospettiva e del chiaro-scuro, sull’uso di colori vivaci e naturali, sull’uso incisivo del colore puro ed una netta e marcata linea di contorno. La carica emotiva dell’opera è particolarmente stimolante.

TECNICA LACCHE su tema specifico: Geisha
Realizzazione di decorazione tramite la tecnica della laccatura, procedibile tramite colorazione con tempera all’uovo.
Inizialmente si è pensato al soggetto da realizzare e la scelta è ricaduta sull’emblematica figura della geisha; simbolo di eleganza e femminilità.

Per la realizzazione si è pensato di dividere il disegno in vari pannelli di multistrato assegnati ad ogni ragazza, ognuno di misura diversa che sarebbero stati successivamente assemblati per formare una figura “a mosaico” maestosa ed imponente (misurante in altezza…).
Ad ogni pannello di multistrato è stata data un’imprimitura di base con mestica (una preparazione composta da gesso e colla di coniglio) in vari strati (di media 5 o 6) poi levigati prima con carta-vetro di grana grossa e poi con una di grana più sottile, per rendere la superficie più liscia ed agevole al lavoro.
Una volta terminata l’imprimitura, si   sono date delle prime mani di fondo con delle pennellate di albume d’uovo diluito in acqua, che assume in questo caso la funzione di “aggrappante “; dopodiché si è proceduto alla colorazione tramite la tecnica della tempera ad uovo (mescolando un tuorlo d’uovo con acqua e pigmenti in polvere), prima provvedendo in maniera più omogenea agli sfondi, per poi concentrarsi sui dettagli e sulle sfumature delle zone più piccole.

Come colori in pigmento si sono principalmente usati il rosso di Francia, il bianco titanio, il nero, ocra, giallo di Napoli, e varie tonalità di blu

 

ILLUSTRAZIONE MURALE
Tecnica di illustrazione murale
Stage effettuato presso la  “Scuola dell’infanzia Santa Maria Crocifissa di Montirone  – BS
durante i mesi di marzo, aprile e maggio 2011.
Membri del gruppo: Bettanini Selene, Brumana Valentina, Leali Francesca, Lucchetta Federico, Ranghetti Elena e Treccani Anita.

lograto